Tuesday December 23rd 2014
Pubblicato il: domenica, novembre 17th, 2013

Ison cometa 2013: ecco quando sarà visibile ad occhio nudo in Italia

Ison-cometa-2013-ecco-quando-sarà-visibile-ad-occhio-nudo-in-Italia

La cometa Ison in transito nei nostri cieli ha aumentato in queste ultime ore la sua luminosità e potrebbe essere visibile ad occhio nudo prima del previsto.

La scoperta della cometa risale al 21 settembre 2012 quando gli scienziati dell’International Scientific Optical Network (ISON), Vital Nevki e Artyom Novichonok osservarono per la prima volta questa cometa radente che passa molto vicino alla superficie del sole assegnandole il nome scientifico C/2012 S1 in cui la prima lettera sta ad indicare cometa non periodica, 2012 l’anno della sua scoperta e S1 indica invece che Ison è stata la prima cometa scoperta nella seconda metà di settembre.

Il prossimo 28 novembre la cometa che ha già superato il pianeta Marte, passerà per il Perielio sperando che riesca a non disintegrarsi in base a quando è accaduto ad altre comete di lungo periodo che provenivano dalla nube di Oort come la Hale-Bopp e la Hyakutake.

Nello specifico il 18 novembre si assisterà se tutto dovesse avvenire secondo le previsioni ad uno spettacolo davvero unico poiché Ison apparirà in congiunzione stretta con Spica e a 12° a est della Ison apparirà un’altra cometa la 2P/Encke.

Il 21 novembre poi chi vorrà provare ad osservare l’evoluzione del fenomeno, alle 6:15 del mattino potrebbe scorgere il fenomeno straordinario di due comete che viaggiano affiancate, in un cielo che offrirà uno scenario del tutto particolare grazie alla presenza di Mercurio, Saturno e Zuben el Genubi, la stella alfa della Libra.

Ma dicembre segnerà il culmine di questo straordinario evento che inevitabilmente richiama alla memoria una ben più famosa cometa che più di 2000 anni fa annunciò la nascita di Cristo; è molto suggestiva la coincidenza che ci permetterà di osservare la cometa nel massimo del suo splendore qualche giorno prima del 25 dicembre.

Sin dalle prime luci dell’alba, guardando verso est all’orizzonte si potrà osservare Ison che ogni giorno di più diventa sempre più intensa e luminosa alzandosi nel cielo; dopo le festività natalizie Ison si mostrerà subito dopo il tramonto, in direzione nord-est.

A Gennaio la cometa punterà verso la Stella Polare e la sua luce si affievolirà sino a scomparire del tutto.

La magnitudo che misura la luminosità di Ison sta progressivamente diminuendo cosi da risultare facilmente visibile all’occhio umano che è in grado di percepire gli oggetti aventi magnitudo inferiore a 6,5.

La nostra cometa, in base alle rilevazioni dell’astronomo john Bortle è giunta ora ad un livello di magnitudo di 5,4 diventando ben 16 volte più luminosa rispetto a qualche giorno fa e pertanto facilmente visibile ad occhio nudo.

Leave a Comment

What is 11 + 8 ?
Please leave these two fields as-is:
IMPORTANT! To be able to proceed, you need to solve the following simple math (so we know that you are a human) :-)