Tuesday September 30th 2014
Pubblicato il: martedì, febbraio 5th, 2013

Asteroide 2012 DA14: visibile anche in Italia ora e data del passaggio

Come ormai annunciato da alcuni giorni il 15 febbraio sarà una buona occasione per tenere i nasi all’insù e guardare il cielo visto il passaggio di 2012 DA14, un asteroide con un diametro di 50 metro e 130.000 tonnellate di peso che di avvicinerà  al nostro pianeta ad una distanza da record.

Le previsioni dicono che l’asteroide si avvicinerà alla traiettoria del nostro pianeta portandosi ad una distanza vicina ai 35.000 Km, attraversando anche la soglia del cosiddetto anello satellitare formato dai satelliti geostazionari necessari per le telecomunicazioni e il Gps che invece si trovano a circa 36.000 Km, senza contare che il passaggio oltre la suddetto soglia potrebbe anche causare la distruzione di uno di questi satelliti.

L’asteroide precisamente raggiungerà la distanza minima dalla Terra il 15 febbraio, alle ore 20:25 italiane.Asteroide-2012-DA14-visibile-anche-in-Italia-ora-e-data-del-passaggio

L’astrofisico Gianluca Masi, curatore scientifico del Planetario di Roma e responsabile del Virtual Telescope in proposito ha dichiarato: «Non vi sarà alcun pericolo di impatto con il nostro pianeta ma si tratta di un passaggio quasi epocale perché è raro che un asteroide passi così vicino alla Terra, circa un decimo della distanza lunare, basti pensare che i satelliti geostazionari, come Meteosat sono più lontani, si trovano a 36.000 chilometri di distanza. Masi ha inoltre dichiarato che si tratterà di un’importante occasione per astronomi ed appassionati in quanto l’oggetto «si vedrà benissimo dall’Italia anche con un piccolo binocolo nelle prima fasi di avvicinamento e nelle fasi successive con telescopi amatoriali anche modesti di 60 millimetri di diametro».

Gli esperti e scienziati del settore seguiranno con attenzione questo passaggio che rappresenta un’occasione importante per studiare i cosiddetti Near Earth Objects o Neo, gli oggetti vicini alla Terra, e le loro dimensioni, e movimenti che sono difficilmente rilevabili. Della stessa opinione è Masi che ha affermato «Questi passaggi così ravvicinati  per esempio permettono di valutare quale è l’effetto che la Terra ha sulle orbite di questi asteroidi durante i loro avvicinamenti».

Vista la distanza record con cui DA14 si avvicinerà al nostro pianeta, come solitamente accade in questi casi, sono cominciate a girare voci allarmiste su una possibile catastrofe. In realtà gli esperti hanno assicurato che l’evento non porterà ad alcuna conseguenza di rilievo sulle comunicazioni, sulle maree e tantomeno vi sarà un pericolo di collisione con la Terra.

Rassicurazioni arrivano anche da Don Yeomans che ha affermato: “Questo è un record. Da quando iniziarono le indagini regolari sullo spazio nel 1990, non abbiamo mai visto un oggetto di queste dimensioni venire così vicino alla Terra. 2012 DA14 sicuramente non colpirà la Terra. L’orbita dell’asteroide è conosciuta abbastanza bene per escludere un impatto”.

 

 

 

 

Leave a Comment

What is 10 + 9 ?
Please leave these two fields as-is:
IMPORTANT! To be able to proceed, you need to solve the following simple math (so we know that you are a human) :-)

Interesting Sites

    Insider

    Archives